1ricettalgiorno By

La nostra carbonara “light”


La ricetta originale della carbonara prevede l’utilizzo di guanciale di maiale, che in questa versione “alleggerita” viene sostituito dallo speck.

Questo salume, visibilmente più “magro” del guanciale, presenta infatti una percentuale molto bassa di grassi saturi (circa il 28% sul totale della materia grassa), mentre è ricco di proteine e minerali.

La parte grassa è nettamente distinta da quella magra, e con un coltello affilato è molto facile staccare la striscia di grasso così da rendere ancora più leggera la preparazione. L’affumicatura, infine contribuisce a rendere lo speck ancora più digeribile oltre che più gustoso.

 

Ingredienti e dosi per 4 persone:

250 g di spaghetti

120 g di speck in una sola fetta (peso netto senza grasso)

60 g di parmigiano grattugiato

2 uova

4 cucchiai di latte scremato

olio extravergine d’oliva

sale, pepe

 

Procedimento:

Private lo speck della parte grassa e tagliatelo a striscioline sottili.

In una capace padella antiaderente fate scaldare un cucchiaino di olio, unite le striscioline di speck e fatele appassire a fuoco basso.

In una terrina battete i tuorli delle uova con il latte, metà del parmigiano grattugiato, sale e pepe. Nel frattempo cuocete al dente gli spaghetti. Scolateli e versate nella padella con lo speck, mescolate e togliete dal fuoco.

Aggiungete le uova battute con il latte e, sempre mescolando, aggiungete il restante parmigiano.

1ricettalgiorno
1ricettalgiorno
About me

Unaricettalgiorno è un lavoro di gruppo. Nasce dall’esigenza di prendere meno sul serio il mondo del cibo, ma non per questo spiegandolo meno seriamente, anzi. Costruito da professionalità diverse ma molto affiatate, è la nuova frontiera del magazine web di qualità.

YOU MIGHT ALSO LIKE

A KM ZERO
Il termine indica una tipologia di coltivazione, produzione e quindi alimentazione a basso impatto ambientale, per cui il reperimento delle materie prime è esclusivamente locale.
In cucina denota la preparazione delle ricette con ingredienti che sono disponibili "qui e ora", cioè acquistati e prodotti entro lo stretto raggio del posto in cui si vive, magari dal contadino e che rispettano i piatti legati al proprio territorio e alla propria tradizione. L’obiettivo è di ridurre l’inquinamento e preservare la qualità degli alimenti (si evitano trasporti di merci per lunghe distanze con relativo abbattimento del gas serra e deperimento delle materie prime). In Italia la sua introduzione ha avuto successo e in alcune regioni, come il Veneto, il cibo a Km zero è diventato, tramite la Coldiretti, un marchio da apporre sui menu e sulle vetrine dei negozi, che possono essere trattorie, bar o ristoranti.
Ricominciare con gusto
August 26, 2018
Assaggi06_04
Assaggi web: sempre più cibo, gli articoli degli altri in rete
April 06, 2018
crema di patate e carciofi con astice
Crema di carciofi e patate con astice
February 07, 2018

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *