Fabio Zago By

Il vino “naturale”


Vino naturale non vuol dire nulla.
Forse qualcuno usa impropriamente una definizione che vale come un’altra.
Forse qualcuno vuole intendere un vino prodotto senza alcun intervento “chimico”, sia in vigna che in cantina.
In questo caso il vino non si può fare.
Intendo un vino minimamente decente, sano e bevibile!
E allora qualcuno per ‘naturale’ intende un vino prodotto con interventi mirati e minimi.
Cioè quello che fanno i produttori capaci, preparati, intelligenti e onesti.
Quindi centinaia di produttori che si definiscano vignaioli, produttori, appassionati , biologici, biodinamici o trallallero trallala’ poco importa.
E permettetemi: ci mancherebbe altro che un vino non fosse biologico.
Anche se, come disse un caro amico ed esperto : “il vino si può fare anche dall’uva”.

La distinzione più interessante che mi viene in mente è piuttosto ideale: ci sono quelli che standardizzano la produzione per offrire ai clienti un vino che ogni anno assomigli a se stesso, all’idea di vino che il cliente conosce da anni e ogni volta desidera ritrovare. Un vino di “cantina”, se una tale definizione può essere accettata.
E ci sono quelli che accettano che il loro vino, con quel nome e quella etichetta e bottiglia sia ogni anno diverso, perché la natura lo ha reso così . Se mi permettete lo definirei un vino di “natura” o, per non equivocare ancora, un vino di vigna, e quindi, in questo senso un vino naturale: un anno più alcolico e colorato, più sapido e meno aromatico e l’anno dopo magari meno alcolico, più spigoloso, perché il vino dipende dal sole e dalla pioggia, dal vento e anche dalla fortuna.
E senza voler approfondire la questione relativa alla evoluzione del vino nel corso degli anni, perché il vino è vivo e cambia mentre invecchia.
E senza dimenticare infine che fare vino significa prendere alcune centinaia di decisioni.
E il vino, ricordiamocelo, si può ‘fare’ solo una volta all’anno.

Fabio Zago
Fabio Zago
About me

Fabio Zago, docente dell’Accademia Gualtiero Marchesi, è il consuente gastronomico di unaricettalgiorno. Presta la sua consulenza gastronomica per riviste di settore ed è consulente gastronomico per numerose aziende agroalimentari. E’ autore di testi scolastici adottati in diversi Istituti Alberghieri italiani e di numerosi libri di cucina per il grande pubblico: “Rapida Mente buoni”, “La cucina wok”, “Mousse paté e terrine”, “I sapori della cucina tex mex”, “I sapori della cucina araba”, “Cucina ok a basso prezzo”, “La buona cucina vegetariana”, “Il piatto in un bicchiere”. E’ autore e curatore di una collana di cucina dietetica: “La buona cucina in gravidanza”, “La buona cucina disintossicante”, “La buona cucina senza latte”, “La buona cucina con le fibre”. Già durante gli anni di formazione all’Istituto Alberghiero ha iniziato a viaggiare per il mondo alla scoperta di realtà gastronomiche e culturali diverse dalla sua. Gli Stati Uniti, Londra e Parigi sono state le tappe fondamentali della sua crescita e gli hanno lasciato un’impronta cosmopolita, ma al contempo hanno radicato in lui la convinzione che quella mediterranea è la miglior cucina possibile. E’ stato Direttore Didattico della Scuola de La Cucina Italiana per oltre 20 anni. Ha lavorato presso prestigiose realtà nel mondo, fra cui: Hotel Excelsior, Cras Montana (CH) Centro enogastronomico Altopalato, Milano Excelsior restaurant, Beverly Hills, California (USA) Café Royal restaurant, Londra (UK) Forte Hotel Village, S.ta Mangherita di Pula La Cucina Italiana web e carta Oltre ad aiutarci in cucina e a suggerirci ricette, firma i suoi spigolosi post sul blog

YOU MIGHT ALSO LIKE

Assaggi 30_11
Assaggi web: sempre più cibo, gli articoli degli altri in rete
November 30, 2018
panettone
Le dieci regole del perfetto panettone
October 08, 2018
Assaggi 06_07
Assaggi web: sempre più cibo, gli articoli degli altri in rete
July 06, 2018

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *