Roberto By

Assaggi web: sempre più cibo, gli articoli degli altri in rete


Gli Assaggi di questa settimana: il New York Times e lo Spritz, storia di una stroncatura; fermentazione naturale in un garage urbano, succede a Milano; la seconda giovinezza di Davide Oldani; nuova stella Michelin Made in Japan per Enoteca Pinchiorri; assegnati i MOF a Parigi, medaglia honoris causa a Georges Blanc. Buona lettura!

1 ) Le stroncature possono essere l’effetto collaterale, la contropartita, di un successo mondiale, soprattutto quando il successo è anche figlio di una martellante campagna di marketing. Quando però la stroncatura viene dall’estero e verso un prodotto italiano, allora forse la cosa ci punge un po’più sul vivo. Difensori e critici dell’Aperol Spritz, dopo le critiche del New York Times il dibattito è aperto. Magari con argomenti da snocciolare attorno a qualche bicchiere arancione…

Leggi l’articolo completo su Il Post

 

2 ) La storia di un produttore di vino naturale, che come prima professione fa il broker finanziario.

Nulla di stupefacente, se non fosse che il vino viene prodotto in un garage, con l’uva coltivata in Irpinia e vinificata a Milano.

I tempi stretti cittadini qui si dilatano e sposano quelli del vino; la poesia rurale arriva in periferia ed entra in uno spazio sospeso, dove la fermentazione naturale fa dimenticare traffico e frenesie urbane.

Leggi l’articolo completo su Munchies Vice

 

3 ) La seconda giovinezza di Davide Oldani è ripartita dal rinnovato D’O. Un nuovo locale distante pochi metri dal primo, stesso paese, stessa piazza.

Cambiamenti senza stravolgimenti, tappe di un percorso inserite in un disegno coerente, un progetto come ama definirlo lo chef.

La sequenza dei nuovi piatti è tutta da scoprire in questo articolo.

Leggi l’articolo completo su Reporter Gourmet

 

4 ) Il Paese con maggior numero di stelle Michelin italiane? Il Giappone, e da quest’anno una nuova stella brilla a Nagoya; è quella di Enoteca Pinchiorri che ha aperto da alcuni anni una propria filiale nel Paese del Sol Levante.

Leggi l’articolo completo su Identità Golose

 

5 ) Tra Sorbona ed Eliseo si è svolta la premiazione dei MOF, i meilleurs ouvriers de France.

È il premio che riconosce il valore dell’alta artigianalità francese: senza chiamarla arte le conferisce il valore e il peso che merita, istituzionalmente riconosciuto.

Se c’è un Paese al mondo in cui non manca l’alta artigianalità è proprio l’Italia, un premio come i MOF invece manca. Medaglia del premio honoris causa quest’anno a Georges Blanc.

Leggi l’articolo completo su Food&Sens

Roberto
Roberto
About me

Impiegato a tempo indeterminato, ma aspirante "flâneur", almeno nei sogni; un ozio creativo nel quale dedicarsi completamente alla buona tavola, al cucinare, alle arti visive, alla lirica e alla lettura dell'opera omnia di Balzac. Restando coi piedi per terra coltivo queste attività come passioni personali, quando posso, nel tempo libero. Scrivo di cibo perché amare qualcosa e voler comunicare questo amore credo siano una cosa sola, da gourmand aspirante gourmet, sempre pronto ad imparare cose nuove.

YOU MIGHT ALSO LIKE

Assaggi 15_03
Assaggi web: sempre più cibo, gli articoli degli altri in rete
March 16, 2019
assaggi 08_03
Assaggi web: sempre più cibo, gli articoli degli altri in rete
March 08, 2019
pinchiorri
Pinchiorri e Féolde: una polifonia a due voci che risuona da quarantacinque anni
December 12, 2017

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *