Roberto By

Assaggi web: sempre più cibo, gli articoli degli altri in rete


Gli assaggi di questa settimana: bûches de Nöel a Parigi, la classifica definitiva; l’arte della pizza patrimonio Unesco e le motivazioni di questa decisione; l’importanza della sala nella testimonianza di una direttrice, Mariella Organi; una guida ai migliori e anche ai peggiori pasti ad alta quota; alimentazione sana, spesa intelligente e minor spreco, come conciliare tutto con piccole azioni quotidiane. Buona lettura!

1) Manca ormai poco a Natale e le classifiche sul miglior panettone si sprecano. Da qualche anno sta iniziando a far breccia anche da noi il tipico dolce francese di Natale, la bûche de Noël, il tronchetto. Merito delle filiali italiane di pasticcerie francesi, o semplicemente voglia di qualcosa di diverso anche presso le nostre pasticcerie, ad esempio Peck quest’anno propone proprio un tronchetto ma a base di panettone, perché il distacco dalla tradizione non sia total. Qui sotto una classifica tutta Made in France sulla miglior bûche. Dieci creazioni parigine e artistiche da capogiro, a volte anche nel prezzo, ma Natale viene una volta sola all’anno.

Leggi l’articolo completo su L’Express Style

 

2) L’arte dei pizzaiuoli napoletani patrimonio dell’Unesco, la notizia, rilanciata ovunque nei giorni scorsi, non giunge oggi certamente come una novità. Ma quanti sanno cosa comporta questo riconoscimento? E in quanti hanno letto le motivazioni ufficiali dell’Unesco? Spulciando si scopre che la pizza è “un rito sociale” e, oltre all’aspetto e alla ricetta, conta anche un know-how fatto di espressioni facciali, gesti e canzoni”. La pizza non va solo fatta, va vissuta in una convivialità, possibilmente quella caratteristica di Napoli, difficilmente riproducibile altrove.

Leggi l’articolo completo su Finedininglovers

 

3) Il tema dell’importanza della sala ha ormai preso piede nei dibattiti, persino un convegno ultimamente organizzato a Milano. Anche se ancora devono raccogliersi pienamente i frutti delle considerazioni emerse, è fuori discussione che la sala sia fondamentale e richieda investimenti cospicui per creare forti professionalità. I professionisti di sala che già ci sono rappresentano spesso un bell’esempio, che merita di venir raccontato. Mariella Organi è una di queste: peculiare direttrice di sala, donna e anche mamma, facilitata, se vogliamo, dall’avere un compagno che è anche socio e guida la cucina del ristorante. Madonnina del Pescatore è dove va in scena la sua idea di servizio, Moreno Cedroni il suo compagno, socio e chef, se mai servisse precisarlo.

Leggi l’articolo completo su Italia a tavola

 

4) I pasti a bordo degli aerei, se escludiamo le classi più esclusive, non sono mai stati ritenuti particolarmente gourmet. Clienti e viaggiatori però sono sempre più esigenti oggi. Sintomo ne è la nascita di una classifica, con tanto di punteggio in stelle, creata da una rivista americana nella quale le compagnie aeree vengono giudicate sulla base della cucina a bordo. Se la Delta Airlines prende cinque stelle, tra i meriti la trasparenza nella lista degli ingredienti e la salubrità, non mancano le critiche in altri casi. Pasti ipercalorici e snack salati sono spesso presenti ed evitabili. Idratarsi molto e resistere alle tentazioni del cibo grasso le sfide del viaggiatore contemporaneo.

Leggi l’articolo completo su Il Fatto alimentare

 

5) L’alimentazione e la spesa, nel mondo occidentale, fanno spesso rima con spreco. Una rima indesiderabile e sopratutto evitabile. Lontano da eccessi igienisti, comprendere la distinzione tra scadenze tassative e indicazioni del tipo “consumare preferibilmente entro” è già un buon inizio. Partendo da qui infatti una cooperativa di consumatori britannici sta contrastando lo spreco alimentare, i cui numeri, riportati nell’articolo, sono spaventosi. Una corsia del supermercato che venda a prezzi scontati prodotti che verrebbero buttati, è un primo passo; la lotta allo spreco, fatta di piccoli gesti e partendo dal quotidiano e dal personale, non sembra così impossibile.

Leggi l’articolo completo su La Stampa Cucina

Roberto
Roberto
About me

Impiegato a tempo indeterminato, ma aspirante "flâneur", almeno nei sogni; un ozio creativo nel quale dedicarsi completamente alla buona tavola, al cucinare, alle arti visive, alla lirica e alla lettura dell'opera omnia di Balzac. Restando coi piedi per terra coltivo queste attività come passioni personali, quando posso, nel tempo libero. Scrivo di cibo perché amare qualcosa e voler comunicare questo amore credo siano una cosa sola, da gourmand aspirante gourmet, sempre pronto ad imparare cose nuove.

YOU MIGHT ALSO LIKE

FullSizeRender-02-06-19-17-02-2
Napoletana o romana? La pizza di qualità spopola a Milano e dintorni
June 06, 2019
toast vegetariano
TOAST VEGETARIANO CON PATE’ D’OLIVE
April 15, 2019
Assaggi 08_06
Assaggi web: sempre più cibo, gli articoli degli altri in rete
June 08, 2018

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *