Roberto By

Assaggi web: sempre più cibo, gli articoli degli altri in rete


Gli Assaggi di questa settimana: Jessica Préalpato e la sua desseralité al vertice della 50 Best; Pambianco e la classifica dei fatturati dei ristoranti stellati; il metodo nobile per certificare qualità e sapore delle materie prime; gli atteggiamenti dei clienti che irritano il personale di sala; la dispensa del critico gastronomico secondo Leonardo Romanelli. Buona lettura!

1 ) Jessica Préalpato è stata nominata miglior pasticciera al mondo dalla classifica The World’s 50 Best Restaurants.

Il primo articolo, in francese, ci racconta le reazioni social delle persone a lei più vicine: il marito, Alain Ducasse, lo chef del Plaza Athénée, i vertici del gruppo Dorchester (che l’anno scorso con Cedric Grolet a Le Muerice avevano conquistato lo stesso premio) oltre ai vertici al femminile della 50Best restaurants. L’articolo successivo è un breve profilo che introduce alla pasticceria unica e personale della Préalpato, la desseralité.

Leggi l’articolo completo su Food&Sens

Leggi l’articolo completo su La Repubblica

2 ) Scopriamoil lato economico/finanziario delle cucine premiate dalla Michelin: 367 ristoranti stellati in Italia, fatturato totale di 293 mln di euro. Ma chi sono i dieci cuochi più ricchi d’Italia? La risposta in questo video realizzato sulla base dell’analisi condotta da Pambianco.

Leggi l’articolo completo su La Stampa

3 ) Mangiare è un atto agricolo o un atto industriale? Da consumatori possiamo porre in atto scelte consapevoli? O siamo tutti inevitabilmente diretti verso l’omologazione di chi ha già deciso per noi? Partendo da sapore e qualità un altro modello di produzione è possibile: l’obiettivo è quello di offrire al consumatore un prodotto il cui livello qualitativo sia certo e certificato. Un metodo nobile da applicare a tutte le materie prime, regolarmentato e che consenta di creare consorzi di produttori che adottano precisi disciplinari.

Utopia? Forse no.

Leggi l’articolo completo su Gambero Rosso

 

4 ) Tripadvisor alla rovescia, i clienti visti dai ristoranti. In particolare dal personale di sala, la vera trincea che si relaziona col cliente dall’inizio alla fine del pasto. Una serie di interviste e di casistiche che irritano il personale di sala, avventori avventati prendete nota.

Leggi l’articolo completo su Munchies.Vice

5 ) Cosa c’è, o meglio cosa non c’è, nella dispensa di un critico enogastronomico? Apparentemente vuota, ma con il minimo indispensabile per imbastire una cena in casa, anche se nel caso del critico l’evento è abbastanza raro, sia che si tratti del critico gastronomico del New York Times, sia che si tratti di Leonardo Romanelli.

Leggi l’articolo completo su Quinto Quarto di Leonardo Romanelli

Roberto
Roberto
About me

Impiegato a tempo indeterminato, ma aspirante "flâneur", almeno nei sogni; un ozio creativo nel quale dedicarsi completamente alla buona tavola, al cucinare, alle arti visive, alla lirica e alla lettura dell'opera omnia di Balzac. Restando coi piedi per terra coltivo queste attività come passioni personali, quando posso, nel tempo libero. Scrivo di cibo perché amare qualcosa e voler comunicare questo amore credo siano una cosa sola, da gourmand aspirante gourmet, sempre pronto ad imparare cose nuove.

YOU MIGHT ALSO LIKE

Assaggi 05_07
Assaggi web: sempre più cibo, gli articoli degli altri in rete
July 08, 2019
FullSizeRender-05-06-19-12-59-4
Andrea Ribaldone e il palLino della ristorazione
June 05, 2019
Assaggi 12_04
Assaggi web: sempre più cibo, gli articoli degli altri in rete
April 13, 2019

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *